Silenzio. Cinguettio. Silenzio. Fruscio nel bosco. Ancora silenzio

Il cielo era di un colore rosso pastello che a Duncan ricordava molto la brace che si consumava nel buio del caminetto. Era accampato da solo in una piccola pineta. Non faceva molto freddo perché era settembre, il mese dell’uva. Aveva acceso un piccolo fuoco per avere solo un po’ di luce e naturalmente per tenere alla larga gli animali indesiderati.

Alzo’ la testa al cielo e vide sfrecciare una stella cadente. Buon segno. Duncan non sapeva cosa significasse una cosa del genere ed in verità’ non sapeva nemmeno perché ciò accadesse ma ne rimaneva sempre affascinato. Gli sarebbe molto piaciuto volare per poter vedere cosa ci fosse stato lassù nel cielo, ma forse, in fondo, non era affare suo.

Aveva con sé soltanto la sua spada, la compagna di mille avventure, come la chiamava lui, ma in verità egli sapeva di aver vissuto ben pochi momenti emozionanti in vita sua. Si certo, c’era stata quella volta che quel cinghiale l’aveva attaccato, e lui si era difeso ma non era nemmeno stato capace di uccidere l’animale. Oppure quella volta che vide i briganti che si dividevano il bottino nel bosco. Era riuscito a scappare senza che se ne accorgessero.

In verità’ Duncan non aveva mai vissuto momenti di vera avventura, momenti che rimangono incisi a fuoco nella memoria e nel tempo. Momenti in cui ti senti più vivo che mai proprio perché hai vicino a te la morte, o una qualsiasi situazione di pericolo. Egli spesso immaginava di fare qualcosa di veramente rischioso ma allo stesso tempo di giusto.

Non sapeva come spiegare questa sua sensazione interiore che lo spingeva a voler combattere contro un intero esercito di predoni per salvare il denaro dei poveri e magari anche una ricca nobildonna. Perché questo desiderio? Intanto il tempo passava e lui se lo sentiva sgusciare fra le dita. Non sapeva come fermarlo, come sfruttare al massimo ogni momento che gli era stato dato. Avrebbe voluto avere avventure ogni giorno per sentirsi riempire di esperienza e ricordi. Per Duncan i ricordi erano molto importanti: infatti pensava che una volta diventato vecchio uno dei pochi piaceri che avrebbe avuto sarebbe stato quello di tuffarsi in un mare di esperienze passate, non tanto da rimpiangere, ma da rivivere, ricordandosi ogni singola emozione che aveva provato. Cosa fare? Duncan non lo sapeva, ma intanto cercava di vivere felice come aveva sempre fatto.

Quella sera il cielo era davvero limpido e si potevano vedere un’infinita’ di bellissime stelle che ammiccavano felici nel cielo. Anche la luna volava tranquilla nell’oscurità come una madre premurosa che sorveglia i sui figli. Duncan sentì che si stava addormentando e non combatte’ questa sensazione, sprofondando nel tranquillo mondo di sogni.

Nel Sogno Duncan si ritrovò di nuovo a quella volta che vide i predoni, ma questa volta non scappo’ ma si diresse da loro a sfidarli. Iniziò subito il combattimento in cui riusciva a vincere tutti gli avversari, da soli o insieme. Sapeva che questo non era giusto, ma era felice.

Dopo averli sistemati tutti usando la sua spada, e la sua abilità fisica (che tra l’altro non aveva) di autodifendersi vide che oltre al bottino costituito da monete d’oro sonante c’era anche una giovane donna dai biondi capelli. Il suo viso era chiaro e fresco come il latte e aveva gli occhi del colore della giada. La donna non era legata, e si stava avvicinando a Duncan per ringraziarlo.

Lui la guardava e per la prima volta in vita sua si sentì amato da una donna. Non capiva come poteva sapere ciò, somigliava più ad un’intuizione che ad una certezza. La vegetazione era rigogliosissima, e la luce in cielo cominciò ad aumentare. Tutto diventò più chiaro, ed anche il sorriso della dama di cui non conosceva il nome cominciò ad annebbiarsi. La luce si faceva sempre più forte, e quando Duncan aprì gli occhi ne capì la ragione: era sorto il sole.

(1) …Pini ed abeti senza aura di venti
si drizza no nel sol che li penètra,
sola garrisce in picciol suon di cetra
l’acqua che tenue tra i sassi fluì.

Era un sogno, pensò con rimpianto Duncan, soltanto un sogno, non sapendo se rimpiangere maggiormente l’eroica azione di aver sbaragliato un numero imprecisato di predoni o di aver conquistato (e di essere stato conquistato) da una bellissima donna. “Pazienza, ci sarà tempo anche per questo, un giorno”, si disse Duncan, ed in cuor suo ci sperava davvero. Il cuore spesso è un abile mentitore ma le sue bugie son più dolci del miele di acacia e spesso possono attenuare molte preoccupazioni o dispiaceri. Dei grilli ancora facevano sentire il loro trillo e Duncan decise che forse era ora di muoversi. Non aveva con sé molto cibo, ma contava di trovare qualche bacca lungo la via.

La strada che mancava per arrivare a colle “Selva nera” era ancora molta e non poteva sperare di arrivarci a stomaco vuoto. Il ragazzo provava ancora quello strano sentimento di affetto per quella misteriosa fanciulla dai biondi capelli che purtroppo stava svanendo dalla sua memoria. Aveva addosso quella strana sensazione di essere come osservato da molta gente pronta a commentare ogni suo movimento, ogni suo sguardo, ogni suo pensiero. Spesso questa sensazione lo assaliva quando si trovava a viaggiare da solo nei boschi ma mai si era fatta così intensa.

Si ricordò improvvisamente di una strana esperienza che gli era successa non tanto tempo prima: stava suonando il suo flauto disteso in un enorme prato assaporando la gioia della natura circostante quando il tutto era avvenuto. Il cielo era terso e il sole splendeva come mai; non una nuvola all’orizzonte mentre tutta la natura esultava nel momento in cui questa era più rigogliosa: nei mesi di poco precedenti all’estate. Duncan aveva sentito una strana sensazione di gioia e di tranquillità entrare nel suo cuore mentre la musica scorreva tranquilla attraverso le dolci note del flauto che egli stesso si era costruito con un tronchetto di legno.

Improvvisamente un segno, un messaggio penetrò nel suo cuore: una sensazione che lo rendeva intensamente felice. Quando la gioia raggiunse il suo apice Duncan vide che i suoi piedi stavano cambiando lentamente forma. Le sue caviglie stavano diventando di un color verde acceso che si poteva paragonare solo a quello dei germogli di acacia. Duncan ebbe molta paura e smise di suonare.

(2) (e il verde vigor rude
ci allaccia i mallèoli
c’intica i ginocchi)

Silenzio. Cinguettio. Silenzio. Fruscio nel bosco. Ancora silenzio.

Si accorse allora che nulla era successo, che tutto era stato soltanto un’illusione. Egli non credeva nelle streghe né a tutti quei mostri che spesso i vecchi dicono di aver incontrato per intimorire i più giovani: mostri come Trolls, Rugginofagi e gli stessi gnomi. Eliminando la magia, cosa poteva aver provocato quella strana allegria? Duncan non aveva una risposta in proposito ma raramente aveva voglia di porsi tali quesiti. Lui continuava la sua strada senza porsi troppe domande. Le domande complicano la vita e la rendono invivibile se uno poi non trova le risposte. Aveva suonato molte altre volte da allora, ma non era più successo una cosa del genere. Evidentemente era stato soltanto un’illusione dovuta al troppo sole che aveva preso sul momento.

Duncan continuò a camminare lungo la sua strada, tra uccelli che cantavano dall’alto di alberi secolari e fagiani che spiccavano il volo da campi incolti.

La colazione usuale era costituita da bacche chiamate “strozza preti” che venivano lessate fino a far perdere il loro caratteristico sapore aspro e boccioli di rosa. Naturalmente essendo settembre le mangiate di uva erano quasi all’ordine del giorno. Fortunatamente Duncan non era stato mai colto sul fatto dai contadini a cui aveva “preso in prestito” l’uva. alalche volta mangiava anche carne, naturalmente: conigli (che catturava con le trappole) e qualche uccello ma era davvero molto difficile avere la fortuna di prendere animali durante uno spostamento.

Il monte Altete era in vista. Oramai, era quasi a metà giornata di cammino da Colle Selva nera. Faceva caldo e Duncan decise di riposarsi un po’ in mezzo ad un bellissimo prato in discesa verso Est (o forse Nord?). Bevve un sorso d’acqua dalla sua bisaccia in pelle e tirò fuori dalla sua sacca un po’ di carne secca che aveva con se. Non era molto buona, ma era piena di energie e sfamava senza difficoltà. Improvvisamente sentì uno strano dolore alla gamba destra.

Sentì uno strano fruscio che si allontanava. Subito un tuffo al cuore. Paura di sapere già cosa era successo. Due forellini sul ginocchio. Un po’ di sangue. Veleno.

(3) Le cicale si tacquero. Più rochi
si fecero gli uccelli. Copiosa
la rèsina gemette giù pe’ fusti.
Riconobbi il colubro dal sentore.

Si, Duncan era stato morso da un serpente velenoso mentre era seduto sul prato a suonare. Non era stato capace di identificarlo perché non lo aveva visto, presumibilmente era stato una vipera. Cosa fare? Chiamare aiuto? E chi avrebbe sentito? Era da solo nel bosco da almeno due giorni. Non una casa in vista. Magari qualche viandante. Duncan si mise subito una fascia alla gamba e se la strinse forte. Poi prese il coltello e si tagliò nel punto dove si presentavano i due forellini del morso. Il battito cardiaco era davvero accellerato dalla paura, ma faceva tutto questo meccanicamente, quasi non curante del dolore lanciante che sentiva.

Cercò poi di succhiarsi via il veleno, ma senza grandi risultati. Allora iniziò a chiamare aiuto nella speranza di essere sentito da qualcuno. Passò un’ora. Niente. Passò un’altra ora. Niente. Duncan si sentiva sempre più stanco, sempre più vicino alla sua ora. La sua mente iniziò a vagare nei ricordi scavalcando barriere che il dolore aveva innalzato. L’immagine dei genitori si affacciò alla nella sua mente. Piero e Frida. Erano morti, uccisi in un tumulto popolare.

Non si ricordava molto di loro perché era molto piccolo quando successe. Da allora aveva sempre vagabondato. Amava stare fuori all’aria aperta, poter guardare le stelle ogni notte e sentire gli animali che vivevano con lui in un mondo di favola. Amava soprattutto il verde, gli alberi, le piante, le foglie. Non sapeva spiegarsi questa sua passione, tutti guardavano con indifferenza la natura, ma lui era diverso.

Duncan provava una strana sensazione di torpore e iniziò ad avere sonno. Era quasi mezzogiorno, ma lui si sentiva stanchissimo. Voleva rimanere sveglio almeno per apprezzare gli ultimi momenti della sua vita. Aveva accettato la sua morte con rassegnazione, quasi come se nulla fosse. Infondo se lo aspettava. Sarebbe successo prima o poi.

Tirò fuori dalla sua borsa il flauto. Iniziò a suonare e la melodia che si propagava nella valle era davvero armoniosa. Quella musica avrebbe potuto commuovere chiunque e Duncan ne rimase impressionato. Era solo, come al solito. La musica e la sua mente si fusero insieme in un connubio di sentimenti e di luce. Ecco che ciò che aveva provato quella volta si stava ripresentando. Un brivido gli corse per la schiena. Questa volta non respinse la sensazione che aveva nel cuore, sapeva di non aver nulla da perdere, nessuno che lo avrebbe aiutato. Era l’ora della sua morte. Stranamente era incredibilmente felice ed una lacrima gli solcò il viso. Duncan si caricò come di energia vitale. La sua carnagione chiara iniziò a cambiare verso un colore simile al verde. Non si poteva muovere ma capiva che stava accadendo qualcosa di estremamente bello. Ogni suo muscolo stava diventando più grosso, più forte e tonificato, una luce iniziò a brillare nel suo petto e poi si propagò in tutto il resto del corpo.

Le sue gambe erano diventate completamente verdi come fronde molto forti di un albero di quercia e le mani stavano facendo la stessa cosa. I suoi denti diventarono sempre più bianchi “come mandorle acerbe” (4) , mentre i suoi occhi spiavano il paesaggio intorno ancora inconsapevoli della metamorfosi che stavano subendo. Duncan aveva smesso di suonare il flauto ma la musica stava continuando, e questa era ancora più bella e più armoniosa; mai orecchio umano aveva udito prima di allora una cosa del genere.

La melodia che sentiva non era prodotta da strumenti musicali: era costituita dal dolce fruscio di foglie degli alberi mossi dal vento, dalle pietre che, scaldate al sole, si incrinavano, dal canto così perfetto che ogni singolo uccello produceva. Duncan capì che ogni cosa intorno a lui stava cantando: il vento, il torrente, la fonte. Ma ecco la consapevolezza: Lui era. Non sapeva se era sempre stato così ma ora Lui era. La luce che il suo petto emanava diventò incredibilmente forte: un nuovo sole stava splendendo nella foresta.

Tutti gli animali si erano radunati intorno a Duncan: cinghiali, cerbiatti, volpi, lepri e tutti lo stavano guardando in solenne silenzio. Lui capiva, capiva ogni cosa adesso. Tutto il suo corpo era diventato del colore delle fronde degli alberi: di varie tonalità di verde più chiaro e più scuro, in alcuni punti addirittura nero come la corteccia dei cipressi. I suoi occhi erano scuri come la notte estiva mentre i suoi capelli lunghi erano diventati come un ciuffo di morbida erba della prateria. Anche la sua altezza era cambiata: ora raggiungeva i tre metri.

(5) … E intorno intorno
tutto è silenzio nell’ardente pian
ti canteremo noi cipressi i cori
che vanno eterni fra le terre e il cielo:
da quegli olmi le ninfe usciran fuori
te ventilando co ‘lor bianco velo;
e Pan l’eterno che su erme alture
a quell’ora e ne i pian solingo va
il dissidio, o mortal, delle tue cure
ne la diva armonia sommergerà.

Prese coscienza di ciò che era accaduto. Lui ora non era più Duncan Idaho, o almeno lo era solo in parte, Lui era Pan, il dio della natura. Rimase immobile per molto tempo in contemplazione poi, a grandi passi si diresse verso la sua casa: il bosco, o qualsiasi bosco di ogni parte della terra. Pan sapeva di avere la capacità di diventare ogni cosa che voleva ma la forma originaria della sua essenza era quella in cui si trovava adesso. Staccò un grosso masso dal suolo che si trasformò nelle sue mani in un’enorme spada di pietra. Pan era il responsabile della vita nei boschi e doveva difenderla. Poteva comparire dove voleva, poteva essere quello che voleva ed era immortale, ciò nonostante adesso era stanco, voleva riposare po’. Il suo cammino non lasciava tracce nel bosco; lentamente Pan si avviò versò una fonte dove lentamente si dileguò: Pini, castagni, betulle, erba…

Silenzio. Cinguettio. Silenzio. Fruscio nel bosco. Ancora silenzio.

Note:

(1) Da “Mezzogiorno alpino” di Giosue Carducci. (V.5-8)

(2) Da “La pioggia nel pineto” di G. D’Annunzio (V.112-114)

(3) Da “Stabat nuda Aestas” di G.D’annunzio (V.5-9)

(4) Da “La pioggia nel pineto” di G. D’Annunzio (V. 109)

(5) Da “Davati a S.Guido” di Giosue Carducci. (V.56-64)

Il sito utilizza cookie di profilazione per offrirti un servizio in linea con le preferenze da te manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Se prosegui nella navigazione selezionando un elemento del sito, acconsenti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

Informativa estesa

Informativa privacy

La tutela della vostra Privacy è uno dei nostri principali obiettivi.

(Codice della Privacy - Decreto Legislativo 30 Giugno 2003, n. 196) StefanoTrojani.com S.p.A. (di seguito StefanoTrojani.com) si impegna costantemente per tutelare la privacy on-line dei suoi utenti. Questo documento le permetterà di conoscere la nostra politica sulla privacy per capire come le sue informazioni personali vengono gestite quando utilizza i nostri servizi e per consentirle di prestare un consenso al trattamento dei suoi dati personali espresso e consapevole nelle sezioni del sito ove viene richiesto di fornire i dati personali. Le ricordiamo che nelle varie sezioni del sito web StefanoTrojani.com (di seguito "Sito") ove raccogliamo i suoi dati personali sono pubblicate specifiche informative ai sensi dell'art. 13 del Codice della privacy per sua necessaria presa visione prima della fornitura dei dati richiesti. Le informazioni ed i dati da Lei forniti od altrimenti acquisiti nell'ambito della registrazione ai vari servizi di StefanoTrojani.com, (come ad esempio: registrazione di nomi a dominio, fornitura account email, fornitura account di Posta Elettronica Certificata (PEC), fornitura spazio web, fornitura servizi di hosting, fornitura di altri servizi accessori, di seguito, complessivamente, "Servizi"), saranno oggetto di trattamento nel rispetto delle disposizioni del Codice della privacy (il cui testo integrale è da lei reperibile sul sito web del Garante privacy www.garanteprivacy.it), della Raccomandazione del Gruppo dei Garanti europei n. 2 del 17 Maggio 2001 e degli obblighi di riservatezza che ispirano l'attività di StefanoTrojani.com. Per trattamento di dati personali intendiamo qualunque operazione o complesso di operazioni, effettuati anche senza l'ausilio di strumenti elettronici, concernenti la raccolta, la registrazione, l'organizzazione, la conservazione, la consultazione, l'elaborazione, la modificazione, la selezione, l'estrazione, il raffronto, l'utilizzo, l'interconnessione, il blocco, la comunicazione, la diffusione, la cancellazione e la distruzione di dati, anche se non registrati in una banca di dati. La informiamo che i dati personali oggetto di trattamento potranno essere costituiti - anche a seconda delle sue decisioni su come utilizzare il Servizi - da informazioni testuali, immagini fotografiche o video, tracce audio, utenze telefoniche e da qualsiasi altra informazione idonea a rendere l'interessato identificato o identificabile, a seconda del tipo di Servizi richiesti. Secondo le norme del Codice, i trattamenti effettuati da StefanoTrojani.com saranno improntati ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti.

Finalità del trattamento.


Il trattamento che intendiamo effettuare ha le seguenti finalità:
1. Consentire l'erogazione dei Servizi da lei richiesti e la successiva ed autonoma gestione del suo pannello di controllo, cui accederà mediante la registrazione e la creazione del suo profilo utente all'atto della fornitura dei Servizi, inclusa la raccolta, la conservazione e la elaborazione dei dati ai fini dell'instaurazione e della successiva gestione operativa, tecnica ed amministrativa del rapporto connesso all'erogazione dei Servizi e l'effettuazione di comunicazioni relative allo svolgimento del rapporto instaurato;
2. assolvere obblighi di legge, contabili e fiscali;
3. consentire la navigazione e la consultazione del sito web di StefanoTrojani.com;
4. compiere analisi statistiche in forma anonima e/o aggregata, senza possibilità di identificarla, volti alla verifica della qualità dei servizi offerti;
5. previo suo consenso rilasciato in fase di registrazione, inviarle comunicazioni promozionali , via e-mail o via sms (cd. "modalità automatizzate di contatto" di cui all'art. 130, commi 1 e 2 del Codice Privacy), attraverso l'uso del telefono con operatore (cd. "modalità tradizionali di contatto") e/o attraverso le pagine ufficiali di StefanoTrojani.com sui social network;
6. solo laddove lei abbia manifestato il suo specifico e preventivo consenso e solo con riferimento a determinati servizi, i dati potranno essere trattati per finalità di profilazione e/o di marketing di terze parti, vale a dire per fornirle informazioni e/o formulare offerte su prodotti, servizi o iniziative offerti o promossi da altre società facenti parte del Gruppo Dada e/o da sue società affiliate e/o controllate, e/o da altri partner commerciali e outsourcer che agiscono come autonomi titolari del trattamento.
Infine, StefanoTrojani.com fornisce assistenza ai clienti con tre modalità: via telefono, via ticket e via chat. Il relativo trattamento di dati personali è svolto solo per fornire il servizio richiesto, con una particolarità: che il servizio di chat che permette a Register di fornire assistenza ai clienti è erogato da un fornitore esterno: Zopim Technologies Pte Ltd. Si precisa che l'eventuale trattamento di dati che possa avvenire durante la chat è effettuato direttamente dal fornitore esterno in qualità di Titolare autonomo. L'utente dovrà dunque fare riferimento alle politiche privacy di Zopim. Per quanto riguarda il trattamento eseguito da StefanoTrojani.com, quest'ultima tratterà tali dati unicamente per eseguire obblighi derivanti da un contratto del quale è parte l'interessato o per adempiere ad un obbligo previsto dalla legge, da un Regolamento o dalla normativa comunitaria, o per far valere o difendere un proprio diritto in sede giudiziaria.

Modalità del trattamento. I suoi dati personali saranno prevalentemente trattati con strumenti elettronici o comunque automatizzati.


Comunicazione e diffusione dei dati personali comuni. I suoi dati personali comuni potranno essere comunicati a: 1. persone, società o studi professionali che prestano attività di assistenza e consulenza a StefanoTrojani.com in materia contabile, amministrativa, legale, tributaria, finanziaria e di recupero crediti relativamente alla erogazione dei Servizi; 2. soggetti, enti od autorità a cui la comunicazione dei suoi dati personali sia obbligatoria in forza di disposizioni di legge o di ordini delle autorità; 3. soggetti delegati e/o incaricati da StefanoTrojani.com di svolgere attività strettamente correlate alla erogazione dei Servizi o con i quali sia necessario interagire per l'erogazione dei Servizi (ad esempio le Autorità di registrazione nazionali ed estere cui trasmettere la documentazione tecnica ed amministrativa ed i moduli del Maintainer, le autorità che gestiscono il database WHOIS che contiene i dati personali degli assegnatari di nomi a dominio, i soggetti che forniscono il servizio di pagamento tramite carta di credito, etc); soggetti delegati e/o incaricati da StefanoTrojani.com di svolgere attività di manutenzione tecnica (inclusa la manutenzione degli apparati di rete e delle reti di comunicazione elettronica); 4. partners commerciali nel solo caso lei abbia prestato uno specifico consenso. Inoltre, i soggetti o le categorie di soggetti ai quali i suoi dati personali potranno essere comunicati o che potranno venirne a conoscenza in qualità di Responsabili del trattamento (se nominati) o di Incaricati sono: società del Gruppo Dada, italiane o estere, personale del Gruppo Dada incaricato della gestione amministrativa e/o tecnica dei Servizi, responsabili della piattaforma informatica mediante la quale sono erogati i Servizi. Con riferimento all'ambito di diffusione dei suoi dati personali, i dati personali necessari per attivare i Servizi non saranno oggetto di diffusione. È implicito che laddove lei decida di utilizzare taluni Servizi senza avvalersi, durante la fase di richiesta dei medesimi, delle facoltà di impedire la diffusione dei dati personali (ad esempio, in sede di richiesta di assegnazione di nomi a dominio non neghi esplicitamente quando richiesto il consenso alla pubblicazione dei dati personali nel database WHOIS) tali ipotesi di diffusione di dati personali non potranno essere ricondotte a scelte in tal senso di StefanoTrojani.com.

Facoltatività od obbligatorietà del consenso.


Il conferimento dei dati è facoltativo per tutto quanto concerne l'attivazione dei Servizi (registrazione, mantenimento tecnico dell'account, etc), ma l'eventuale mancato conferimento dei dati personali comporterebbe l'impossibilità di attivare i Servizi richiesti.
È altresì del tutto facoltativo e non obbligatorio il consenso al trattamento dei dati personali per elaborare studi, ricerche, statistiche di mercato; inviare materiale pubblicitario ed informativo; compiere attività dirette di vendita o di collocamento di prodotti o servizi; inviare informazioni commerciali; effettuare comunicazioni commerciali interattive anche ai sensi dell'articolo 58 del Decreto legislativo 206/2005 attraverso l'impiego da parte del fornitore del telefono, della posta elettronica, di sistemi automatizzati di chiamata senza l'intervento di un operatore. È altresì facoltativo il consenso a ricevere comunicazioni commerciali non sollecitate ai sensi dell'articolo 9 del Decreto Legislativo 9 Aprile 2003 n. 70 di recepimento della c.d. Direttiva sul Commercio Elettronico 2000/31/CEE, che prevede che le comunicazioni commerciali non sollecitate debbano essere immediatamente ed inequivocabilmente identificabili come tali e contenere l'indicazione che il destinatario dei messaggio può opporsi al ricevimento in futuro di tali comunicazioni.
Nel caso Lei decida di non prestare il distinto consenso sulle operazioni di trattamento ai fini commerciali - quando richiesto in particolari sezioni del Sito - appena sopra specificate, tale rifiuto non avrà conseguenze di alcun tipo. Laddove Lei presti il consenso facoltativo di cui sopra, potrà essere ammesso a partecipare a manifestazioni o giochi a premio a scopo promozionale eventualmente organizzati dal Gruppo Dada o dai suoi partners commerciali.

Trattamento di dati sensibili. Nell'utilizzo dei Servizi , potrebbe verificarsi un trattamento dei suoi dati personali rientranti nel novero dei dati "sensibili" di cui agli articoli 4, comma 1 e 26 del Codice, con particolare riferimento a dati idonei a rivelare l'origine razziale ed etnica, le convinzioni religiose, filosofiche o di altro genere, le opinioni politiche, l'adesione a partiti, sindacati, associazioni od organizzazioni a carattere religioso, filosofico, politico o sindacale, nonché i dati personali idonei a rivelare lo stato di salute e la vita sessuale. La invitiamo a non pubblicare dati sensibili se non strettamente necessario o nel caso in cui Lei decida di non utilizzare particolari Servizi che potrebbero comportare un tale trattamento. In ogni caso, al di fuori delle ipotesi di deroga di cui all'articolo 26, comma 4 del Codice, tali dati possono essere oggetto di trattamento solo con il consenso scritto o equivalente ("consenso equivalente" è anche la manifestazione di volontà on-line attraverso procedure quali cliccare su pagine web bottoni del tipo "Accetto", "Invia", etc o spuntare caselle o box accanto al termine "Accetto", etc) dell'interessato e nel rispetto delle Autorizzazioni generali del Garante al trattamento dei dati sensibili e previa autorizzazione del Garante per la protezione dei dati personali, il quale può autorizzare in via generale e preventiva - fermo restando il consenso scritto dell'interessato - particolari categorie di trattamenti. In particolare, oltre a richiederle il consenso scritto o per equivalente, le nostre attività sono previamente autorizzate dalle relative vigenti autorizzazioni. In virtù di quanto sopra, Le ricordiamo che in assenza di specifica manifestazione del consenso a trattare i Suoi dati sensibili (eventualità che comunque Le consente ovviamente di registrarsi), laddove in futuro Lei intenda utilizzare Servizi che potrebbero comportare un tale trattamento, dovrà modificare la sua scheda di iscrizione prestando lo specifico consenso. Nel caso Lei non proceda a manifestare il consenso al trattamento dei dati sensibili per qualsivoglia ragione e successivamente utilizzi comunque i Servizi per i quali detto trattamento sia comunque necessario (ad esempio nel caso in cui Lei pubblichi foto che evidenziano informazioni di carattere sensibile), La informiamo che nessuna società del Gruppo potrà essere ritenuta responsabile a nessun titolo, né potrà ricevere contestazioni di sorta, poiché la pubblicazione dei dati sensibili (ivi inclusa la diffusione via web) avviene nella Sua esclusiva ed autonoma gestione dello spazio web che Le viene messo a disposizione dalle società del Gruppo all'atto della registrazione e fruizione dei Servizi da parte Sua. Specifichiamo comunque l'importanza, come sopra già segnalato - di modificare la scheda di registrazione manifestando lo specifico consenso al trattamento dei dati sensibili laddove Lei decida di far uso dei Servizi che necessariamente comportano l'utilizzo di tali informazioni. I dati sensibili - con particolare riferimento a quelli idonei a rivelare gusti o abitudini sessuali - non saranno oggetto di comunicazione (a meno di obblighi di legge) né di diffusione da parte delle società del Gruppo. È implicito che laddove lei decida di utilizzare i Servizi per comunicare o diffondere consapevolmente sulla rete Internet i suoi dati sensibili, tali ipotesi non costituiscono casi di comunicazione o diffusione da parte delle società del Gruppo, essendo operazioni da Lei svolte autonomamente nella gestione dello spazio web a Lei riservato o comunque nell'ambito della normale fruizione dei Servizi da parte sua.

Interazione con i social network


Oltre che compilando l'apposito form di registrazione, Lei può registrarsi ai Servizi, se ha un profilo Facebook, anche cliccando semplicemente sul bottone "Login con Facebook". In questo caso, Facebook invierà automaticamente a StefanoTrojani.com alcuni Suoi dati, specificati nell'apposita finestra "pop-up" che viene visualizzata al momento della richiesta, e non vi sarà necessità di compilare altri form da parte Sua. Se invece Lei è già un utente registrato di StefanoTrojani.com, ed ha anche un profilo Facebook, può scegliere di associare il suo account StefanoTrojani.com al suo account Facebook cliccando su "Login con Facebook" e successivamente su "Associa account": in tal modo, il Suo codice identificativo Register verrà associato al Suo codice utente di Facebook, e successivamente Lei potrà con un semplice click su "Login con Facebook"autenticarsi direttamente al Suo pannello di controllo StefanoTrojani.com senza inserire le credenziali.

Con le stesse modalità, StefanoTrojani.com Le dà la possibilità di associare il Suo account StefanoTrojani.com anche ai Suoi eventuali account Google, Twitter e Linkedin. Anche in questi casi i siti dei social network interessati invieranno alcuni Suoi dati a StefanoTrojani.com, specificati nell'apposita finestra "pop-up" che viene visualizzata al momento della richiesta.

Eventuale trattamento di dati personali di terzi forniti dall'interessato. Nell'utilizzo di particolari Servizi (ad esempio le promozioni StefanoTrojani.com che consentono di richiedere l'assegnazione di nomi a dominio in favore di terzi soggetti) potrebbe verificarsi un trattamento dei dati personali di terzi soggetti da Lei inviati al gestore del Servizio. Rispetto a tali ipotesi, Lei si pone come autonomo Titolare del trattamento, assumendosi tutti gli obblighi e le responsabilità di legge. In tal senso, Lei conferisce sul punto la più ampia manleva rispetto ad ogni contestazione, pretesa, richiesta di risarcimento del danno da trattamento, etc che dovesse pervenire al Titolare del trattamento da terzi soggetti i cui dati personali siano stati trattati attraverso il suo utilizzo dei Servizi in violazione delle norme sulla tutela dei dati personali applicabili. In ogni caso, qualora Lei fornisca o in altro modo tratti dati personali di terzi nell'utilizzo del Servizio, garantisce fin da ora - assumendosene ogni connessa responsabilità - che tale particolare ipotesi di trattamento si fonda sulla previa acquisizione - da parte sua - del consenso del terzo al trattamento delle informazioni che lo riguardano.

Dati di navigazione. I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito StefanoTrojani.com acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell'uso dei protocolli di comunicazione di Internet. Si tratta di informazioni che non sono raccolte per essere associate a interessati identificati, ma che per loro stessa natura potrebbero, attraverso elaborazioni ed associazioni con dati detenuti da terzi, permettere di identificare gli utenti. In questa categoria di dati rientrano gli indirizzi IP o i nomi a dominio dei computer utilizzati dagli utenti che si connettono al sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l'orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all'ambiente informatico dell'utente. Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del presente sito e dei siti dei nostri clienti e per controllarne il corretto funzionamento, per identificare anomalie e/o abusi, e vengono cancellati immediatamente dopo l'elaborazione. I dati potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di ipotetici reati informatici ai danni del sito o di terzi: salva questa eventualità, allo stato i dati sui contatti web non persistono per più di sette giorni, a meno di eventuali richieste dell'utente (es: accesso alle pagine personali dell'utente all'interno di StefanoTrojani.com che riepilogano i servizi fruiti, le informazioni pubblicate, etc).

Cookie.


- Definizioni, caratteristiche e applicazione della normativa I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati dall'utente inviano e registrano sul suo computer o dispositivo mobile, per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita. Proprio grazie ai cookie il sito ricorda le azioni e preferenze dell'utente (come, ad esempio, i dati di login, la lingua prescelta, le dimensioni dei caratteri, altre impostazioni di visualizzazione, ecc.) in modo che non debbano essere indicate nuovamente quando l'utente torni a visitare detto sito o navighi da una pagina all'altra di esso. I cookie, quindi, sono usati per eseguire autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni e memorizzazione di informazioni riguardanti le attività degli utenti che accedono ad un sito e possono contenere anche un codice identificativo unico che consente di tenere traccia della navigazione dell'utente all'interno del sito stesso per finalità statistiche o pubblicitarie. Nel corso della navigazione su un sito, l'utente può ricevere sul suo computer o dispositivo mobile anche cookie di siti o di web server diversi da quello che sta visitando (c.d. cookie di "terze parti"). Alcune operazioni non potrebbero essere compiute senza l'uso dei cookie, che in certi casi sono quindi tecnicamente necessari per lo stesso funzionamento del sito.

Esistono vari tipi di cookie, a seconda delle loro caratteristiche e funzioni, e questi possono rimanere nel computer o dispositivo mobile dell'utente per periodi di tempo diversi: c.d. cookie di sessione, che viene automaticamente cancellato alla chiusura del browser; c.d. cookie persistenti, che permangono sull'apparecchiatura dell'utente fino ad una scadenza prestabilita.

In base alla normativa vigente in Italia, per l'utilizzo dei cookie non sempre è richiesto un espresso consenso dell'utente. In particolare, non richiedono tale consenso i "cookie tecnici", cioè quelli utilizzati al solo fine di effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria per erogare un servizio esplicitamente richiesto dall'utente. Si tratta, in altre parole, di cookie indispensabili per il funzionamento del sito o necessari per eseguire attività richieste dall'utente.

Tra i cookie tecnici, che non richiedono un consenso espresso per il loro utilizzo, il Garante per la protezione dei dati personali italiano (cfr. Provvedimento Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie dell'8 maggio 2014, di seguito solo "Provvedimento") ricomprende anche:

i "cookie analytics" laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso,

i cookie di navigazione o di sessione (per autenticarsi),

i cookie di funzionalità, che permettono all'utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l'acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso.

Per i "cookie di profilazione", viceversa, cioè quelli volti a creare profili relativi all'utente e utilizzati al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dallo stesso nell'ambito della navigazione in rete, è richiesto un preventivo consenso dell'utente.

- Tipologie di cookie utilizzate dal Sito e possibilità di (de-)selezione Il Sito utilizza i seguenti cookie che possono essere de-selezionati, salvo che per i cookie di terze parti per i quali l'utente deve fare riferimento direttamente alle relative modalità di selezione e de-selezione dei rispettivi cookie, indicate a mezzo di link:

Cookie tecnici-di navigazione o sessione e strettamente necessari per il funzionamento del Sito o per consentire all'utente di usufruire dei contenuti e dei servizi da questi richiesti.

Cookie analytics, che consentono di comprendere come il sito viene utilizzato dagli utenti. Con questi cookie non vengono raccolte informazioni sull'identità dell'utente, né alcun dato personale. Le informazioni sono trattate in forma aggregata ed anonima.

Cookie di funzionalità, cioè utilizzati per attivare specifiche funzionalità del sito e una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l'acquisto) al fine di migliorare il servizio reso.

Cookie di profilazione utilizzati al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall'utente nell'ambito della navigazione in rete.

ATTENZIONE: disabilitando i cookie tecnici e/o di funzionalità il Sito potrebbe risultare non consultabile o alcuni servizi o determinate funzioni del Sito potrebbero risultare non disponibili o non funzionare correttamente e l'utente potrebbe essere costretto a modificare o a inserire manualmente alcune informazioni o preferenze ogni volta che visiterà il sito.

Cookie di terze parti, cioè cookie di siti o di web server diversi da quello del Titolare, utilizzati per finalità proprie di dette parti terze, tra cui anche cookie di profilazione. Si precisa che tali soggetti terzi, di seguito elencati con i relativi collegamenti alle politiche sulla privacy, sono autonomi titolari del trattamento dei dati raccolti attraverso i cookie da essi serviti; pertanto, l'utente deve rifarsi alle loro politiche di trattamento di dati personali, informative e moduli di consenso (selezione e de-selezione dei rispettivi cookie), come precisato nel citato Provvedimento. Per completezza inoltre si precisa che StefanoTrojani.com fa il massimo per poter tracciare i cookie sul proprio Sito. Questi sono aggiornati in maniera regolare sulla landing page di cui al link di seguito indicato, dove diamo trasparenza sui cookie direttamente inviati da Register e sulle loro finalità, e, con specifico riferimento ai cookie inviati da terze parti tramite il nostro Sito, elenchiamo sia quelli che vengono scritti sul dominio StefanoTrojani.com (es.: Google Analytics), sia quelli che non vengono scritti sul dominio StefanoTrojani.com, ma con i cui titolari StefanoTrojani.com ha un rapporto diretto (es.: i cookie di Facebook). Per quanto concerne tali cookie, forniamo di seguito i link alle informative privacy delle terze parti che li inviano tramite il nostro Sito: a tali terze parti demandiamo, come già precisato, la responsabilità di fornire l'informativa e raccogliere il consenso degli utenti, come previsto dal Provvedimento. Detta responsabilità è da riferirsi non solo ai cookie che le terze parti inviano direttamente, ma anche ad eventuali ulteriori cookie che vengono inviati tramite il nostro Sito in virtù dell'utilizzo di servizi di cui le terze parti stesse fruiscono. Rispetto a tali cookie infatti, inviati da fornitori di servizi delle citate terze parti, Register non ha la possibilità di esercitare alcun controllo e non ne conosce né le caratteristiche né le finalità.

Chiudi